Alcide Pierantozzi, Lu canaletto
5 commenti

Lu canaletto

 

Curremo verso lu canaletto, ci affaccemo, ’nfilemo lu braccio dentro lu pozzo per cerca’ ’na ranocchia. Se e quando la trovemo, la sistememo in mezzo all’asfalto e aspettemo che ’a ’na macchina ci passa sopra e fa la botta: pàcchete!

È chesta la cosa che ci piace fa’ di chiù di tutte le cose, a me e all’amico mio Aldo. La facemo soprattutto mentre che aspettemo lu pulmino della scola, e Pippo, che guida lu pulmino della scola, ogni volta che sente a ’llu pàcchette bestemmia tutti quanti li dii e tutte quante le madonne del Paradiso.

“Magnò,” mi chiama col nome della casata, “io lo dico a pàrtet’, prima o poi glielo dico…”.

“Ma se papà è isso che m’ha amparato come si squagliano le ranocchie!” ci rispondo sempre a Pippo, ogni vodda.

Mò l’altro giorno è successa ’na cosa strana, nel mentre che io e Aldo stavamo pescando le ranocchie dentro lu canaletto.

A ’nu certo punto è arrivato Sergio, che è un guaglione handicappato che abita in fondo alla strada. Veramente, proprio un guaglione non è, che tiene trentun anni, ma se lo vedi ti sembra ’scito dall’asilo di Culunnella. Vatte le mani, ride, fa la giravolta in mezzo alla strada, zompa e rizompa come ’nu cunijo.

Certe volte, davanti a lu canaletto, ci sta Maria, una contadina vecchia e grassa che falcia la ramazza e scorreggia come a ’n’asina. “Sergì, Sergì, Sergì” dice Maria appena vede lu guaglione handicappato che viene dalla strada. “Vieni, che ti faccio vede’ na cosa, Sergì”.

E Sergio ci dice, a me e Aldo: “Voi non potete vedere, giratevi. Voi siete troppo piccoli”. E ride, vatte le mani e ride.

Noi guardiamo lo stesso co’ la coda dell’uocchie, mentre peschiamo le ranocchie. E vediamo che la vecchia si tira su la parannanza e il guarnello e gli fa vedere la mozza, e pure essa ride.

E quando la sera stessa torno a casa, e ci dico a mia nonna Rosita come mai Nadina ci fa vedere la mozza, a Sergio l’handicappato, nonna risponde: “Eh,  sapessi…”.

“Che devo sapere?”.

“Eh, sapessi! Quella si deve fare perdonare” continua nonno Giuà.

“Che devo sapere?”.

 

© Tommaso Di Spigna - http://spugnainprogress.blogspot.com

 

Allora nonna Rosita mi conta che il marito di Maria era un ubriacone e non solo, e che quando beveva faceva danni dappertutto. E ’na vodda fece ’nu danno chiù grosso degli altri, quando chiamò a Sergio l’handicappato, che ancora era ’nu guaglioncello, e gli fece quello che non gli doveva fare.

“Quello che non gli doveva fare” ripete nonno Giuà, e io non ci capisco niente.

Che cosa gli aveva fatto che non si poteva fare? E perché mò quella, la vecchia Maria, gli faceva vedere la mozza per farsi perdonare? E voi lo sapete? Che cosa si doveva fa’ perdonare?

 

 

Nonna Esterina

 

Mò mi chiamo Sofia, come alla Loren.

Ma ’na vodda mi chiamavo Maurizio e tenevo la barba come ’nu Barbanera, pure se ero mossante. E tutti, a lu paese, dicevano: “Maurizio lu ricchiò, Maurizio lu femmenì”.

Mammà faceva finta di niente e papà abbassava l’uocchie ’nnanze alla verità.

Solo una nonna tenevo, quella buon’anima di nonna Esterina, che mi diceva: “Maurì, vienne a da’ ’nu bacetto a nonnnina tua. Vienne, Maurì, stringi forte forte a nonnina tua che te vo’ ’nu sacco di bene”.

E poi: “Lu core mio” diceva nonna Esterina e rideva, rideva senza manco ’nu dente in bocca, bella e contenta come una Pasqua.

Da lu paese me ne so’ ito alla maggiore età, che nonna Esterina teneva già ottant’anni. Mammà non mi ha chiù cercato, telefonava solo a Natale e tanti auguri. “Magna, Maurì, mi raccummanno” diceva. E papà manco quello diceva, manco mi salutava.

Io pigliavo gli ormoni e coi soldi de li clienti mi so’ rifatta due belle piccelle, e pure la bocca mi so’ rifatta, che mò pare ’na saciccia di fegato.

Dell’operazione a mammà e papà non gli ho mai detto niente, e mica li potevo ammazzare di crepacuore?

“Dove sta Maurizio mio? Dove sta la creatura?” si lamentava nonna Esterina negli ultimi giorni. Questo me l’ha raccontato mia cugina Samantha, che è l’unica che ha sempre saputo tutto.

“Dove sta? M’ha abbandonato! Ha abbandonato a nonna sua”.

E io che pensavo: mo’ come faccio? Se ritorno conciato così, quella, a nonna Esterina, gli prende ’nu coccolone. Come faccio ad andare a trovarla?”.

E insomma, a lu mese di agosto, co’ nu caldo che appicciava, so’ andata a lu centro commerciale più grosso di Roma e mi so’ comprata un pantalone scuro, ’nu pare de scarpe lucide co’ la punta, ’na camicia bianca e ’na giacca pure quella scura. Poi mi so’ tagliata li capelli quasi a zero, da sola, co’ lu rasoio elettrico. E alla fine, che era la cosa più difficile di tutte, mi so’ fasciata le piccelle con un panno, e così forte che non potevo manco rifiatare.

A ’nu negozio di carnevalate mi so’ comprata pure ’nu paro di baffi finti, marroni, e mò mancava solo che facevo qualcosa pe’ le labbra, ma che potevo fare per quelle? Mica me le potevo tagliare?

Allora, sempre dentro a lu negozio di carnevalate, ho visto ’na boccetta di sangue finto e l’ho comprata.

So’ parito pe’ Culunnella all’alba de lu jorno dopo. Alle nove già bussavo alla porta di casa, e prima di bussare mi ero passato il colore sopra le labbra gonfie, così parevano gonfie perché ci avevo sbattuto. Alla macchina con cui ero venuto ci ho spaccato un fanale con un sasso, e ho ammaccato lu cofano.

Mammà mi guardava strano come se aveva visto ’na Paura. “Maaaurì, ch’a t’a successe? Maaaurì, fammi prendere ’nu cerotto. Stai bene?” .

“Eccolo, eccolo, lu core mio” m’ha detto nonna Esterina abbracciandomi. “Ma ch’a t’a successe core mio? Ch’a t’a successe alla bocca?”.

“Mi ha tamponato nu ricchione, nonnì. Ma niente di grave”.

“Ma guarda tu, Maurì, t’ha proprio asmafarato, ’su ricchione. T’ha proprio ammascarato come nu carnevale”.

“Eh nonnì, ma tanto la vita è tutto ’nu carnevale. Proprio ’nu carnavale”.

 

 

 

 

  1. alessandra

    bellissimi

  2. Giulia

    c’è tenerezza e violenza…belli.

  3. seren

    che belli…..uau

Inserisci il tuo commento

*