In questo numero

Raccontare il sesso – sentimentale o scabroso, cerebrale o istintivo, nudo o vestito  – significa parlare d’amore e di violenza, di famiglia e di desiderio, di sogni e di perversioni. Il sesso ci ossessiona, ci emancipa, ci definisce. Ci diverte ma può anche fare paura. Tra ghiacciai pakistani che si accoppiano e coppie che volano per la città cambiando corpo, tra passioni galeotte e tatuaggi a forma di mongolefiera, tra abbracci che separano e diavoli che inducono in tentazione, un viaggio dall’Avana a Sassari passando dalla Londra di Iris Murdoch e la Parigi di Gertude Stein, per raccontare quel momento sublime in cui il sesso si fa inafferrabile ed eterno e si trasforma in letteratura.

Leggi tutto
Leggi tutto
Leggi tutto